Sei mesi esatti sono passati da quel pomeriggio di fuoco, quella giornata cocente che consacrò gli OutPlayed campioni d’Italia di League of Legends tra le colonne di Roma. Sei mesi di attesa che giungono finalmente al termine domani, in cui si accende il forno del nuovo PG Nationals. E le sorprese sono tante, prima fra tutte l’immensa quantità di giocatori di alto livello che ora militano tra le fila delle squadre italiane.

Ma non stiamo a parlarne adesso, che la pizza si fredda: partiamo subito con le fette di PG più calde della settimana!

Nasce: Team Qlash Forge (vs CGG/iD)

Gli affezionati avranno notato una grave mancanza sulla pagina del campionato: lo storico logo del martello, delle fiamme sull’incudine, del rosso e nero che ha dominato l’Italia, ora non c’è più. Ma non fatevi ingannare: lo spirito dei Forge permane, unito a quello dei Qlash. Nasce così il Team Qlash Forge, la cui rosa è in gran parte quella della squadra cagliaritana.

Si aggiunge Lorenzo Demon Marzi, storico jungler rivale dei Forge, il cui compito è quello di risollevare lo spirito di una squadra che ha avuto varie difficoltà nell’arco degli ultimi sei mesi. “Ho sempre ritenuto i Forge una delle più valide organizzazioni in Italia […] e sapevo che prima o poi si sarebbe presentata l’occasione per entrarci. Lasciare i miei compagni e amici (DrMatt e BrizzNdAè stata una scelta sofferta ma sono molto contento di averla fatta.”.

Cruciale il suo ruolo proprio nelle prime due partite di PG Nationals: domenica affronterà il superbo jungler lituano Edgaras Eckas Strazdauskas dei Cyberground (il quale ha terrorizzato gli avversari durante il PG Nationals Promotion Tournament), per poi trovarsi sulla strada degli iDomina, già superati il mese scorso in EVC, forti però di una coordinazione che Demon dovrà essere in grado di eguagliare nel suo nuovo team.

Ma se la divisa è nuova, le ambizioni sono sempre le stesse, sia per i Forge che per Demon“Questo split l’obiettivo è vincere e fare meglio della top 8 all’EU Masters con gli OutPlayed. Farò di tutto per raggiungerli. Non sarà facile, il livello in Italia si è alzato notevolmente, ma ho talmente tanta motivazione questo split che non riesco ad immaginarmi perdente in questa edizione.”.

Cresce: Cyberground Gaming (vs Q4G/OP)

Il 2018 non è stato facile per i Cyberground: dopo una qualificazione al PG Nationals Summer strappata per un soffio ai Clan Vipers, le aquile palermitane hanno attraversato uno split incostante e difficile, concludendo l’estate in zona retrocessione. Ma dopo una storia tormentata, i Cybergroundsembrano aver trovato la strategia che fa al caso loro: puntare su talenti stranieri. La semifinale all’EVC e la riqualificazione al PG confermano i siciliani come avversari temibili ed inaspettati per questo split.

“Il nostro punto di forza sono sicuramente le sololanes” (Derek OnlyAngel Lee e Isak Energy Pettersen Fjell, NdA), dichiara il manager Gabriele LeaskIngrassia, “certamente questo non farà molta differenza, visto che andremo ad affrontare le favorite indiscusse del campionato. […] Sarà interessante visto che si tratta di team totalmente nuovi, per cui ci sarà da divertirsi.”.

Proprio le sololanes saranno chiamate all’appello sin dalla prima giornata. Prima contro l’eterno top laner Mauno Beansu Talli e il nuovo arrivato Samuel MakeItBetter Polakovic, giovane mid laner croato, e subito dopo contro Alessandro Skar Torresi e il famosissimo Mattia DrMatt Fazzalaro, veterano della corsia centrale. Certamente un benvenuto duro per le riqualificate aquile.

Nonostante debbano ancora dimostrare di essere al vertice, i Cyberground si mostrano ampiamente ottimisti: “In questa stagione sicuramente daremo il massimo per raggiungere la vetta insieme a loro, auguriamo buona fortuna a entrambe e a tutte le altre che si sono date da fare per alzare di molto il livello del campionato!”.

Resta: OutPlayed (vs RCN/CGG)

Squadra che vince non si cambia, dice il proverbio: ma se questo vale nel mondo degli sport, l’esport è invece frenetico e veloce e non è sempre facile mantenere una rosa per lungo tempo.

Ma nonostante siano cambiati i giocatori, gli OutPlayed restano sempre gli OutPlayed: il trio di veterani DrMatt, Luca Brizz Brizzante e coach Mattia Pencil Guainazzi è pronto a lasciare nuovamente il proprio nome sulla coppa e, appunto, restare al top della classifica.

Il loro primo avversario sarà il team dei Racoon, da sempre imprevedibile, che rischiò di negare loro la finale al PG Nationals Summer“Anche se sulla carta sembra essere la partita più semplice abbiamo intenzione di evitare che si ripetano degli upset […], quindi il nostro obiettivo sarà vincere in modo molto convincente”: queste le parole dell’assistant coach Thomas Phoma Kifle. “Ci preoccupa Flippers, per il fatto che non abbiamo ancora un’idea effettiva del suo livello attuale dopo il bootcamp in Corea.”

Ma la partita che tutti aspettiamo con trepidazione è quella contro i rinati Cyberground, i quali sicuramente metteranno alla prova l’esperienza dei campioni d’Italia. “Penso che i CGG siano un team con tanta potenzialità”, continua Phoma“non vediamo l’ora di confrontarci con loro, anche perché ho tanta considerazione di ciò che stanno costruendo. Tengo d’occhio tutti i giocatori, tranne Creon dopo le sue performance alla Baolo Championship Series.”.

Il guanto di sfida è lanciato: ora sta al nuovo ADC danese Lars Chrisberg Christiansen (e al suo coinvolgente sorrisone), già campione d’Inghilterra, rendere concrete le parole dello staff OutPlayed e a Riccardo CreonSantarelli impedire che ciò accada. Inutile dire che questo si prospetta già come il match più caldo della settimana!

Show CommentsClose Comments

Leave a comment